IT | EN | FR | DE | ES | PT | CN

Questo sito utilizza i cookie per gestire, migliorare la tua esperienza di navigazione del sito

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo e la gestione dei cookie, consultare la nostra Politica sui cookie Per saperne di piu'

Approvo

Studenti stranieri in visita nella nostra azienda

Da Usa e Messico per conoscere il meglio del “made in Italy”

Arol ha recentemente ospitato una delegazione di studenti universitari stranieri in viaggio per l’Italia. I quattro ragazzi, due provenienti dagli Stati Uniti e due dal Messico, erano accompagnati dai loro docenti e sono i vincitori dell’“Italian Technology Award”, un’iniziativa ideata dall’Agenzia ICE- Italian Trade Agency in collaborazione con Federmacchine, nell’ambito del progetto speciale “Machines Italia”. L’obiettivo è quello di promuovere la formazione tecnica nei paesi stranieri e di presentare le eccellenze tecnologiche italiane, così da attrarre nuovi talenti a livello internazionale. Il progetto premia gli studenti stranieri laureandi o laureati in discipline tecniche, in seguito ad appositi concorsi basati sulla presentazione di tesine su argomenti relativi all’utilizzo delle tecnologie di produzione in settori specifici. Ai vincitori, viene offerto un viaggio in Italia di una settimana nell’arco del quale viene proposto un programma di formazione trasversale e di visite aziendali in realtà di eccellenza. Tra queste, è stata individuata la nostra azienda dove il gruppo ha potuto conoscere la storia di Arol e di Arol Group, visitare gli stabilimenti e vedere da vicino la produzione oltre che porre alcune domande direttamente ai tecnici. Con i ragazzi e i loro professori era presente anche Daniela Marconicchio, referente per ICE e UCIMA. Il riscontro positivo della delegazione in visita ha mostrato come le competenze tecniche e ingegneristiche del nostro “made in Italy” possano essere attrattive per i giovani talenti. Allo stesso tempo, per Arol è stato un momento di scambio interessante con università straniere dove si formano i manager di domani.