IT | EN | FR | DE | ES | PT | CN

Questo sito utilizza i cookie per gestire, migliorare la tua esperienza di navigazione del sito

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo e la gestione dei cookie, consultare la nostra Politica sui cookie Per saperne di piu'

Approvo

WHPSC : Medaglia d’oro per Andrea Gallo

WHPSC : Medaglia d’oro per Andrea Gallo

È un oro tutto italiano quello strappato domenica 16 settembre a Battle Montain (USA), in occasione del WORLD HUMAN POWERED SPEED CHALLENGE 2018. Al termine della settimana di “run” Andrea Gallo, con il Team Policumbent del Politecnico di Torino, è infatti arrivato primo assoluto superando le altre squadre presenti. Un risultato che premia un anno di lavoro fatto di ricerca, studio, progettazione e tanto allenamento per l’atleta italiano, il quale in sella alla sua “Taurus” ha potuto ottenere l’impressionante prestazione di 133,25 km/h. «Non siamo riusciti ad ottenere il record mondiale al quale aspiravamo – ha commentato Andrea Gallo, il quale lavora in Arol come progettista meccanico – Le run sono state tutte con vento, mi sono ripetuto al sabato mattina con condizioni non ancora ottimali a 132.5 kim/h, ma alla sera le run non sono mai state buone. Secondo i nostri modelli di calcolo avevamo stimato di arrivare a 135/136 ma purtroppo non sono riuscito a farlo per via del meteo. Siamo comunque soddisfatti di quanto ottenuto a Battle Montain». Il prototipo di bicicletta reclinata utilizzata da Andrea è stato sviluppato da un team di 40 ingegneri e ricercatori del politecnico di Torino e alla sua realizzazione hanno contribuito alcuni partner privati tra i quali la nostra azienda. Con il supporto di Arol Canelli (ASTI) sono state realizzate 35 componenti in alluminio, pensate per rendere Taurus più veloce e aerodinamica. Purtroppo le avverse condizioni del vento non hanno permesso quest’anno di superare i record stabiliti a livello mondiale ed europeo ma la squadra italiana non demorde: «I 0,5 km/h che ci separano dal record europeo sono solo questione di tempo». La sfida è quindi rimandata al prossimo anno, sempre nel deserto del Nevada.